Perchè scegliere una casa in bioedilizia

Esistono tanti buoni motivi per decidere di vivere in una casa ecosostenibile. Vivere in una casa ecologica, fa bene all’ambiente, fa bene alla vostra salute e nel lungo periodo da bene anche al portafoglio. Insieme all’azienda Friul Wood House che realizza case in bioedilizia in Friuli cercheremo di capire quali sono i vantaggi di vivere in una casa naturale.

Il primo buon motivo per scegliere una casa ecologica è sicuramento costituito dal suo basso impatto sull’ambiente circostante. Per la realizzazione delle case in bioedilizia vengono utilizzate meno risorse rispetto a quelle in edilizia tradizionale ed inoltre vengono prodotti molti meno scarti. Oltre a questo le case in bioedilizia specie quelle in legno utilizzano solamente materie prime dalla provenienza certificata.

Secondariamente le case in bioedilizia garantiscono un maggior comfort abitativo proteggendoci da freddo ed umidità che possono essere la causa di raffreddori cronici o reumatismi. Inoltre le case in bioedilizia realizzate in legno ci proteggono dall’esposizione di sostanze invisibili ma altamente dannose per la nostra salute come la formaldeide. La formaldeide è un veleno invisibile, potenzialmente tossico con cui possiamo entrare in contatto attraverso la respirazione.

Il terzo e più evidente vantaggio di vivere in una casa naturale è costituito dalla possibilità di abbattere sensibilmente i costi legnati al riscaldamento ed al condizionamento. Una casa in bioedilizia, grazie all’alto potere isolante dei materiali con cui è realizzata è in grado di garantirci estati fresche ed inverni più miti con la possibilità a seconda della zona climatica in cui si trova l’abitazione di accendere il riscaldamento anche un mese dopo la media. In una casa in bioedilizia non si verificano inoltre fastidiosi fenomeni come i ponti termici, le dispersioni di calore nonché le infiltrazioni di umidità.

Senza contare, per chi volesse amplificare il risparmio in bolletta ed il minor impatto ambientale, che le case in bioedilizia sono assolutamente compatibili con l’installazione delle più moderne tecnologie per l’autosufficienza energetica, come pannelli fotovoltaici, centrali a biomasse e via dicendo, come tra l’altro imposto dal cosiddetto decreto rinnovabili.